ISO 9001:2015 - Revisione

Le novità essenziali

ISO 9001:2015 - Revisione

Una nuova struttura

La nuova struttura dell’ISO 9001:2015 rivela talune novità. La struttura è ordinata secondo i requisiti dell’ISO Directive, Annex SL 2013, cosicché, nell’implementazione di sistemi di management, quali l’ISO 14001 (ambiente) e l’ISO 45001 (sicurezza sul lavoro e tutela della salute), possono essere usati la stessa struttura, gli stessi elementi e la stessa terminologia.

Contesto dell’impressa e delle parti interessate

Oltre ai fornitori e clienti, la nuova norma considera anche le cd. “parti interessate” (stakeholder quali i proprietari, i collaboratori, la pubblica amministrazione, le banche, ecc.). Questi fattori d’influsso interni ed esterni sono esplicitamente identificati, compresi e considerati.

Approccio basato sul rischio: Rischi e occasioni vanno identificati e le misure necessarie adottate. In tal modo si ottiene, oltre a un comportamento mirato, un’amplificazione degli effetti desiderati e una prevenzione o riduzione di quelli non desiderati.

Il metodo del pensare al rischio si riferisce a tutta l’impresa e alla procedimentalizzazione dell’organizzazione.

Il sapere e le competenze dell’organizzazione devono essere gestiti. Nell’economia odierna il sapere è un importante fattore di successo. La revisione dell’ISO 9001 considera questo fatto e richiede un impiego sistematico del sapere. Questo comporta che il sapere necessario per la realizzazione dei processi deve essere annotato, mantenuto e reso disponibile ai lavoratori.

Requisiti per la documentazione: La revisione 2015 ha formulato requisiti idonei a garantire un uso facile e un’applicazione specificamente adattata all’impresa. Il manuale sugli standard di qualità non è più un requisito formale.

Top management: L’ISO 9001:2015 carica sui top management maggiori impegni per il management di qualità. In particolare, esso deve assicurare l’efficacia e l’efficienza del sistema di qualità e rafforzare il ruolo degli altri dirigenti nella gestione del sistema di gestione della qualità. L’incarico del responsabile per il sistema di qualità, cui  in precedenza spettava questa funzione, invece, non è più previsto espressamente. In tal modo l’organizzazione dispone di una maggiore margine di azione al fine di distribuire in maniera flessibile le funzioni inerenti al sistema di qualità.

L’approccio per processi: Un approccio per processi per lo sviluppo, la realizzazione e il miglioramento dell’efficacia del sistema di gestione della qualità è già stato introdotto dalla norma 9001:2008. La nuova norma riprende tale approccio in maniera ancora più esplicita. L’in- e output di ogni processo e delle loro interazioni deve essere determinato. Il monitoraggio dei parametri di riferimento , la determinazione delle responsabilità ecc. vanno effettuati in modo più dettagliato.

Come Le possiamo essere utile nella revisione ISO!

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di garantire la funzionalità dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
ok